HATTITUDE

(EN). There is the fluffy and stylish Bowler that reminds a little of Mr.It, the nice and hairy relative of the Addams, or the Earcuffs studded with pearls. The world of Federica Moretti is a fairy microcosm, made of veils and rabbit ears, baby pink Cloche and Fedora classics.

Born in 1983, modenese doc, Federica took her first steps in the fashion world when she was very young, experimenting with eccentric and unusual looks. Graduated with honors at the IED, with a burst of creativity, not inclined to compromise on the market, she transfers her passion for the visual arts and experimentation also in her brand.

20180112-fm-fw180517-jpg-0x1230-R-100
A stilish baseball cap

With a specialization at the School of Visual Arts in New York, in 2006, very young, she created Federica Moretti, her personal line of hats. Her remarkable talent and exceptional craftsmanship project her, in a few years, to the top of the fashion Olympus. Iconic are the paper models made with such craftsmanship as to look like velour and the Beanies with Mickey Mouse ears.

w09
A playful Beanie

Glamorous, ironic, irreverent, Federica brings her personal touch even in the Borsalino style office, giving the historic brand of millinery a fresh and young touch. The collaborations with the big names in fashion follow one another at an incessant pace, from Jil Sander to MSGM the most prestigious brands turn to her to customize the styling of their fashion shows.

Her hats, easily recognizable, end up on Vogue, Flair, Glamour, bounce from one e-commerce site to another, it is practically impossible not to find it simultaneously on Farfetch and Luisa Via Roma, and since 2007 they are sold exclusively for the American market from Barney’s NY.

Bak
A furry model

Lady Gaga, Madonna and Rihanna are part of that long list of celebrities bewitched by the charm of her models, all handmade in Italy. Iconic pieces, with a strong and irreverent character, just like Federica who, despite her success, has remained a simple girl, with her feet firmly planted on the ground, aware of moving in an ecosystem, the fashionable one, where it is so easy to reach fame and the favor of the editors how much to lose them in a few seasons.

Joy

The success for a designer is never the goal, but only an intermediate stage of a long and often tiring journey, to which it must sacrifice time and private space. In an incessant solicitation of images and stimuli, Federica knows that she must always feed the souls and eyes of the spectators with new objects of desire. The tension to beauty knows no rest, it is infinite and demands dedication.

So in 2017, with a well-established career, she creates Huma Sunglasses, a new line of accessories that, she is keen to point out, can be accessorised. The goal is not only to amaze, but also to offer the consumer the ability to customize every eyewear according to their taste.

Bil

The ends of the glasses can be customized with pearls, chains, crystals, jewelry and even hair extensions. In short, a model equipped with many interchangeable accessories, depending on the outfit or mood … or even just to never get bored…

_R2A3125-min
The new opticals collection

www.federicamoretti.com

@federicamoretti_official

 

CHATTING WITH FEDERICA…

Hello Federica, I am very happy to meet you again after many years. Your career is booming! Doesn’t that scare you a bit?

Hello Paola, eh it has passed many, 12 to be exact since I started this adventure. It doesn’t scare me because I never think about it! The commitment and attention must always be like the first day, the thing that scares me instead is that everything can change in a moment.

Hats are not an easy product. Their use has been greatly reduced during the ‘ 900 and in Italy the artisan heritage linked to the sector has drastically decreased. Historical companies like Borsalino go through very difficult moments. In spite of everything, you believed it. You think this is the key to your success?

I think it’s the passion I have for this job. The enthusiasm that I put in everything. The challenge of creating new, ironic, extroverted collections. The desire to improve myself always.

w03

Let’s talk some of your hats. I remember that the first models were in paper and in the office that you shared with two girls every now and then peeped out your dad too… what has changed?

In 2006 together with five of my friends I opened the studio in Via Sciesa, was an extremely stimulating and full of emotions, all we did different things, photography, interior design, motion graphic and creative confrontation was constant and stimulating. I started to create hats with alternative materials. At that time there were no courses or Masters that could teach me this job. Only when I started to collaborate with Borsalino, a few years later, I discovered the world of the hats and the dynamics of this beautiful work. Then came the collaborations with the designers and my brand. The change was obliged, commitments, spaces and requirements over the years have changed.

20180112-fm-fw180551-jpg-0x1230-R-100

I have been following your work for several years, I have always found the way in which you have managed to find a balance between portability and the unusual. Can we say that you have given life to the phenomenon of Hat-Couture?

Hat-Couture has always existed. I tried to bring eccentricity into everyday life. When I imagine the collection, before I begin to realize it, the images in my head are surreal but I think that there can always be someone who through my hats can feel represented and can give vent to their creativity.

20180112-fm-fw180447-jpg-0x1230-R-100

Is there a model of the winter collection that best represents you?

Of the winter collection my favorite models are the maxi hats in faux-fur. Huge Cloches in Murmasky, baseball hats, Beanies oversized. But also the felt hats of lapin monocolor.

I know you’ve also developed a young line, with more content prices, called Blue. How’s it going?

By now the knitting collection has been integrated into the main collection. It’s going well. Here the challenge is even greater: to create special hats, but still portable in everyday life, always different and ironic.

Do young people like hats?

I think they do! All types of hats are not used daily but, especially during the winter, caps, wool or felt hats are present in the daily clothing.

BAK-M2
A preview of the SS 2019 collection

COVERGIALLA

We talked about the winter line. Can you already give me some little anticipation about spring?

For the next spring, yellow, transparent and spotted plastic covers have been created, which can be put on all types of hats to protect themselves from the rain or as protection of the straw hats with overlapping games.

You realize especially hats and caps, but if I remember correctly you have also created fascinators at the beginning of your journey. Do you think it’s an accessory still present?

I think that everything can be current, depends on the materials and the shapes. In the new summer collection there are Panama hats with broken and asymmetrical veils superimposed on animalier silk scarves or headpices with live cut, hairstyles created with silk fabrics or decorative birds.

DEA+COVER

A good purpose for the 2019…

Always do better. I recently started a new brand! This time the challenge is in the world of eyewear: Huma sunglasses, so it is called the new collection of sunglasses and opticals accessoriable.

Federica when she’s not working…

I like to travel and if I’m not around I like to stay in my city, Milan is beautiful on Sunday! A walk to the park with Blue (my bully), an exhibit, a dinner with friends… all simple things, but that I can entertain in their simplicity.

FLO

 


(IT). C’è la bombetta stilosa e soffice che ricorda un po’ Cugino It, il parente simpatico e peloso degli Addams, o le Earcuffs tempestate di perle. Il mondo di Federica Moretti è un microcosmo fatato, fatto di velette e orecchie da coniglio, Cloche rosa baby e classici Fedora.

Classe 1983, modenese doc, Federica muove i primi passi nel mondo della moda da giovanissima, sperimentando su di se look eccentrici e insoliti. Diplomata con lode allo IED, dotata di una creatività prorompente, poco incline ai compromessi del mercato, trasferisce la sua passione per le arti visive e la sperimentazione anche nel suo brand.

20180112-fm-fw180442-jpg-0x1230-R-100
Un modello della collezione AW 2018/19

Forte di una specializzazione conseguita presso la School of Visual Arts di New York, nel 2006, giovanissima, crea Federica Moretti, la sua personalissima linea di cappelli. Il suo notevole estro e una manualità fuori dal comune la proiettano, in pochi anni, in cima all’Olimpo della moda. Iconici sono i modelli in carta realizzati con tale perizia artigianale da sembrare di velour e i Beanies con le orecchie di Topolino.

Glamour, ironica, irriverente, Federica porta il suo tocco personale anche nell’ufficio stile di Borsalino, regalando allo storico marchio di modisteria un tocco giovane e fresco. Le collaborazioni con le grandi firme della moda si succedono a ritmo incessante, da Jil Sander a MSGM i marchi più prestigiosi si rivolgono a lei per personalizzare lo styling delle loro sfilate.

20180112-fm-fw180430-jpg-0x1230-R-100

I suoi cappelli, facilmente riconoscibili, finiscono su Vogue, Flair, Glamour, rimbalzano da un sito di e-commerce all’altro, è praticamente impossibile non trovarla contemporaneamente su Farfetch e Luisa Via Roma, e dal 2007 vengono venduti in esclusiva per il mercato americano da Barney’s NY.

Lady Gaga, Madonna e Rihanna fanno parte di quella lunga lista di celebrities stregate dal fascino dei suoi modelli, tutti realizzati a mano in Italia. Pezzi iconici, dal carattere forte e irriverente, proprio come Federica che, nonostante il successo, è rimasta una ragazza semplice, con i piedi ben piantati a terra, consapevole di muoversi in un ecosistema, quello modaiolo, dove è tanto facile raggiungere la notorietà e il favore delle redattrici quanto perderli nel giro di poche stagioni.

20180112-fm-fw180494-jpg-0x1230-R-100

Il successo per un designer non è mai la meta, ma solo una tappa intermedia di un cammino lungo e spesso faticoso, a cui bisogna sacrificare tempo e spazi privati. In una sollecitazione incessante di immagini e stimoli, Federica sa che bisogna sempre nutrire le anime e gli occhi degli spettatori con nuovi oggetti del desiderio. La tensione al bello non conosce riposo, è  infinita e reclama dedizione.

20180112-fm-fw180522-jpg-0x1230-R-100
Una Cloche impreziosita da applicazioni di cristalli

Così nel 2017, con una carriera ormai consolidata, crea Huma Sunglasses, una nuova linea di accessori che, ci tiene a precisare, si possono accessoriare. L’obiettivo non è solo quello di stupire, ma anche quello di offrire al consumatore la possibilità di personalizzare ogni occhiale in base al proprio gusto.

Le aste infatti sono customizzabili con perle, catenine, cristalli, monili e persino extension per i capelli. Insomma un modello dotato di tanti accessori intercambiabili, a seconda dell’outfit o dell’umore… o anche solo per non annoiarsi mai…

www.federicamoretti.com

@federicamoretti_official

 

CHIACCHIERANDO CON FEDERICA…

Buongiorno Federica, sono molto contenta di incontrarti di nuovo dopo tanti anni. La tua carriera va a gonfie vele! Non ti spaventa un po’ tutto questo?

Ciao Paola, eh si ne sono passati tanti, 12 per l’esattezza da quando ho cominciato questa avventura. Non mi spaventa perché non ci penso mai! L’impegno e l’attenzione deve essere sempre come il primo giorno,  la cosa che mi spaventa invece e che può cambiare tutto in un momento.

I cappelli non sono un prodotto facile. Il loro uso si è molto ridimensionato nel corso del ‘900 e in Italia il patrimonio artigianale legato al settore si è drasticamente ridotto. Aziende storiche come Borsalino attraversano momenti difficilissimi. Nonostante tutto , tu ci hai creduto. Credi sia questa la chiave del tuo successo?

Credo sia la passione che ho per questo lavoro. L’entusiasmo che ci metto in ogni cosa. La sfida di creare sempre collezioni nuove, ironiche, estroverse. La voglia di migliorarmi sempre.

20180112-fm-fw180519-jpg-0x1230-R-100

Parliamo un po dei tuoi cappelli. Ricordo che i primi modelli erano in carta e nell’ufficio che dividevi con due ragazze ogni tanto faceva capolino anche tuo papà … cosa è cambiato ?

Nel 2006 assieme a cinque miei amici ho aperto lo studio in via Sciesa, è stato un periodo estremamente stimolante e pieno di emozioni, tutti facevamo cose differenti, fotografia, interior design, motion graphic e il confronto creativo era costante e stimolante. Ho iniziato a creare cappelli con materiali alternativi. In quel periodo non esistevano corsi o Master che mi potessero insegnare questo mestiere. Solo quando ho iniziato a collaborare con Borsalino, qualche anno dopo, ho scoperto il mondo del cappello e le dinamiche di questo bellissimo lavoro. Poi sono arrivate le collaborazioni con i designer e il mio marchio. Il cambiamento è stato obbligato, gli impegni , gli spazi e le esigenze nel corso degli anni sono cambiati.

20180112-fm-fw180525-jpg-0x1230-R-100
Un modello Fedora

Seguo il tuo lavoro da diversi anni, ho sempre trovato affascinante il modo in cui sei riuscita a trovare un equilibrio tra la portabilità e l’insolito. Possiamo dire che hai dato vita al fenomeno della Hat-Couture?

La Hat-Couture è sempre esistita. Ho cercato di portare l’eccentricità nel quotidiano. Quando mi immagino la collezione, prima di iniziare a realizzarla, le immagini nella mia testa sono surreali ma penso che ci possa essere sempre qualcuno che attraverso i miei cappelli si possa sentire rappresentato e possa dare sfogo alla propria creatività.

C’è un modello della collezione invernale che ti rappresenta meglio?

Della collezione invernale i miei modelli preferiti sono i maxi cappelli in ecopelliccia. Cloche enormi in Murmasky, berretti da baseball, berrettoni over. Ma anche i cappelli in feltro di lapin monocolore.

20180112-fm-fw180540-jpg-0x1230-R-100

So che hai sviluppato anche una linea giovane, dai prezzi più contenuti, che si chiama Blu. Come sta andando?

Ormai la collezione di maglieria è stata integrata nella collezione principale. Sta andando bene. Qui la sfida è ancora maggiore, creare berretti o cappelli particolari ma pur sempre portabili nel quotidiano, sempre differenti e ironici.

Ai giovani piacciono i cappelli ?

 Secondo me sì, piacciono. Non vengono utilizzati quotidianamente tutti i tipi di cappelli, ma soprattutto durante l’inverno berretti, cappelli in lana o feltri sono presenti nell’abbigliamento quotidiano.

20180112-fm-fw180472-jpg-0x1230-R-100

Abbiamo parlato della linea invernale. Puoi già darmi qualche piccola anticipazione sulla primavera?

Per la prossima primavera sono state create cover in plastica gialla, trasparente e maculata, che possono essere messe su tutti i tipi di cappelli per proteggersi dalla pioggia o come protezione dei cappelli in paglia con giochi di sovrapposizioni.

Realizzi soprattutto cappelli e berretti, ma se non ricordo male hai creato anche Fascinators agli inizi del tuo percorso. Credi sia un accessorio ancora attuale?

Credo che tutto possa essere attuale, dipende dai materiali e dalle forme. Nella nuova collezione estiva sono presenti cappelli in Panama con velette rotte e asimmetriche sovrapposte a foulard di seta animalier o cerchietti a taglio vivo, acconciature create con tessuti in seta o uccelli che le decorano.

POM
Un modello della SS 2019

CUFFIA+COVER

Un buon proposito per il 2019 …

Fare sempre meglio. Da poco ho avviato un nuovo marchio! Questa volta la sfida è nel mondo dell’eyewear: Huma Sunglasses, cosi si chiama la nuova collezione di occhiali da sole e vista accessoriabili.

Federica quando non lavora…

Mi piace viaggiare e se non sono in giro mi piace restare nella mia città, Milano è bellissima di Domenica! Una passeggiata al parco con Blu (il mio bullo), una mostra, una cena con amici… tutte cose semplici, ma che mi possano divertire nella loro semplicità.

ODI+COVER

DEEP

Annunci

4 Comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...