Ethically beautiful

(EN). Camilla Carrara is not even 30 years old, but she already has very clear ideas. In 2016 She founded 0/100, her eco-luxury fashion brand. Where “Zero” means reducing waste, pollution and emissions to the lowest terms, “One Hundred” to indicate not only a product 100% Made in Italy, but also completely sustainable and traceable.

Regenerated fabrics and the innovative “zero-waste” technique, an approach that is already being designed to minimize the waste on fabric pieces, confer to Camilla the prestigious Recycling Design Preis award promoted by the Martha Herford Museum in collaboration with Sparkasse. Further recognition by Manufactum and Messe Frankfurt offers the opportunity to show the collection during the Berlin Fashion Week, in the section dedicated to sustainable fashion.

DSC3725

_DSC3670
A fall/winter outfit

From there it is an escalation of successes, Camilla does not mistaken a collection. Also in 2016 comes the invitation to participate in the Oscedays in Berlin, a kind of general states of the circular economy, and is among the 28 finalists of the contest Mad Mood, an event dedicated to the combination of fashion and food. Starting from the poor elements of Mediterranean cuisine, the fashion designer creates a dress inspired by the overlapping layers of the onions.

In October 2016, Camilla’s passion for fashion arrives to the far north of Europe, so much so that the history of her brand becomes a case study during the seminar “Facing the Fashion Paradigm Shift – The Relevance of Sustainability” promoted from the Swedish Embassy in Berlin and sponsored by Queen Sylvia of Sweden. In November of that year she took part in the Budapest Fashion Week, the main event of the sector in Hungary.

_DSC3798

_DSC3751

A slow and constant growth that also gives Camilla a stake in the Berlin Fashion Film Festival, with a documentary film inspired by her history, several appearances on the Italian media and a discussion on the future of fashion promoted by SDA Bocconi.

Great sensitivity to the environment, an ethical approach to work and a great talent allow Camilla to create extremely contemporary clothes that have nothing to envy to those of known brands. The silhouette of outerwear and dresses drapes soft around the body, the games of pleats and overlays allow to contain the maxi-volumes and geometric shapes of clear oriental inspiration.

Beige, grey and blue are the predominant tones in the 2018 winter collection, but a careful glance will not escape the brushstrokes of color, blue, red and green, which give character to the garments. The trousers fall fluid, the high belts mark the waist while large necks and kimono sleeves make the rigour of the models more feminine. A tribute to Japanese culture reinterpreted in a Western key.

www.zerobarracento.com

@zerobarracento

_DSC3565

CHATTING WITH CAMILLA

Where does your passion for fashion come from?
I think that this passion has always been inside me, since when I was a child I stole the clothes of mom or I created new ones using small pieces of fabric. In the university years I studied fashion design at the Polytechnic and then I deepened the sustainability in the Master’s degree from Esmod in Berlin in 2015. A fundamental year spent in Germany, a training course at 360 degrees that, alongside the theoretical notions, has also foreseen a lot of practice and comparison with the market.

Why did you feel the need to create your own brand?
Initially this was not in the plans, I thought I was working in a brand as a designer, but then I realized that I could offer something different. In Berlin I learned and then personalized the zero-waste design, strictly without waste of fabric. The pieces created using patterns with zero-waste design are manually adapted to the manikin, intervening with folds, pleats and stretching without cutting until obtaining the ideal fit. The model is inserted in digital only later. Creativity is modulating around the goal of not generating scraps of fabric in a process that, far from being limiting, becomes rather stimulating.

_DSC3771

Do you do everything yourself or do you have a team that supports you?
Currently it is me and my sister, plus some external collaborators to project.

Is there any stylist who has influenced your style?
The designers that inspired me are Armani, Isabel Marant and Thayaht.

Let’s talk some of the winter collection. What are you inspired by?
For Autumn-Winter 2018/19, Zerobarracento proposes a contemporary and sophisticated collection, conceived for a dynamic and modern woman. The color palette ranges from grey to beige, to blue, but there are notes of colour, especially blues, reds and greens. The shapes alternate soft lines, created by the same fabrics, to other geometric ones that embrace the figure and the feminine shapes in a skilful game of pleats, lacing and folds. The game of contrasts continues also on the side of inspiration: a contemporary allure meets elements of the Japanese tradition. Also for this season I chose the technique of “zerowaste”, thanks to which the patterns are developed to go to use the whole fabric. On the side of sustainability, on the other hand, the attention is on the materials, completely traceable and always distinctive mark of the brand.

_DSC3837

Is there a piece that represents you the most?
Each piece has its uniqueness and, in my opinion, a raison d’être. But my passion is coats and outerwear in general. A garment that is in my opinion the key to the wardrobe.

If I had to recommend a Zerobarracento outfit to the readers, which match would you choose?
One of our oversized coats in very hot wool matched to a mini and top in Jacquard by Newlife ™.

Where can I find your models for sale?
Currently online on our site and in events here in Milan, last November 11 we were at Chez Babette, and we are organizing other dates in late November and December.

_DSC3706

Plans for the future?
Going ahead with the research of materials and open an atelier in Milan, with the possibility of customizing garments.

Milan, New York, London or Paris… On which walkway would you like to parade?
Of instinct I would say Paris, but for DNA push on Made in Italy, then I would choose Milan. The enhancement of the fashion chain is for me priority.

_DSC3582

DSC3814

 


(IT). Camilla Carrara non ha nemmeno 30 anni, ma ha già le idee molto chiare. Nel 2016 fonda 0/100, il suo brand di moda eco-luxury. Dove Zero sta per ridurre rifiuti, inquinamento ed emissioni ai minimi termini, Cento per indicare non solo un prodotto 100% Made in Italy, ma anche completamente sostenibile e tracciabile.

Tessuti rigenerati e l’innovativa tecnica “zero-waste”, un approccio che già in fase di progettazione consente di ridurre al minimo gli scarti sulle pezze di tessuto, valgono a Camilla il prestigioso premio Recycling Design Preis promosso dal Martha Herford Museum in collaborazione con Sparkasse. Un’ulteriore riconoscimento da parte di Manufactum and Messe Frankfurt le offre la possibilità di sfilare durante la Berlin Fashion Week, nella sezione dedicata alla moda sostenibile.

_DSC3756

Da lì è un’escalation di successi, Camilla non sbaglia una collezione. Sempre nel 2016 arriva l’invito a partecipare agli OSCEdays a Berlino, una sorta di Stati Generali dell’economia circolare, ed è tra i 28 finalisti del contest Mad Mood, un evento dedicato al connubio moda e cibo. Partendo dagli elementi poveri della cucina mediterranea, la stilista crea un abito ispirato alle sovrapposizioni di strati delle cipolle.

Nell’Ottobre del 2016 la passione di Camilla per la moda arriva sino nell’estremo nord dell’Europa, tanto che la storia del suo marchio diventa un case study nel corso del seminario “Facing the Fashion Paradigm Shift – The Relevance of Sustainability” promosso dall’ambasciata svedese a Berlino e patrocinato dalla Regina Sylvia di Svezia. Nel Novembre dello stesso anno prende parte alla Budapest Fashion Week, il principale evento del settore in Ungheria.

_DSC3764

DSC3783

Una crescita lenta e costante che regala a Camilla anche una partecipazione al Berlin Fashion Film Festival, con un docufilm ispirato alla sua storia, diverse apparizioni sui media italiani e un intervento alla tavola rotonda sul futuro della moda promossa da SDA Bocconi.

Grande sensibilità per l’ambiente, un approccio etico al lavoro e un grande talento consentono a Camilla di creare abiti estremamente contemporanei, che nulla hanno da invidiare a quelli di marchi conosciuti. Le silhouette di capispalla e abiti si drappeggiano  morbide intorno al corpo, i giochi di plissettature e sovrapposizioni permettono di contenere i volumi over e le forme geometriche di chiara ispirazione orientale.

_DSC3846

Beige, grigi e blu sono i toni predominanti nella collezione invernale 2018, tuttavia a uno sguardo attento non potranno sfuggire le pennellate di colore, azzurre, rosse e verdi, che regalano carattere ai capi. I pantaloni cadono fluidi, le cinture alte segnano il punto vita mentre grandi colli e maniche a kimono rendono più femminile il rigore dei modelli. Un omaggio alla cultura giapponese reinterpretata in chiave occidentale.

www.zerobarracento.com

@zerobarracento

 

PARLANDO CON CAMILLA

 Da dove nasce la tua passione per la moda?

Penso che questa passione sia sempre stata dentro di me, fin da quando da bambina rubavo i vestiti di mamma o ne creavo di nuovi usando pezzettini di tessuto. Negli anni universitari ho studiato moda e fashion design al Politecnico e poi ho approfondito la sostenibilità nel Master conseguito alla Esmod di Berlino nel 2015. Un anno fondamentale quello trascorso in Germania, un percorso formativo a 360 gradi che, accanto alle nozioni teoriche, ha previsto anche tanta pratica e il confronto con il mercato.

Perché hai sentito l’esigenza di creare un tuo marchio?

Inizialmente questo non era nei piani, pensavo di lavorare in un marchio come designer, ma poi mi sono resa conto di poter offrire qualcosa di diverso. A Berlino ha imparato e poi personalizzato la progettazione zero-waste, rigorosamente senza spreco di tessuto. I pezzi creati utilizzando cartamodelli con design zero-waste sono adattati manualmente al manichino, intervenendo con pieghe, plissettature e stirature senza operare tagli fino ad ottenere la vestibilità ideale. Il modello viene inserito in digitale solo in seguito. La creatività si modula intorno all’obiettivo di non generare avanzi di tessuto in un processo che, lungi dall’essere limitante, diventa invece molto stimolante.

_DSC3541

Fai tutto da sola o hai un team che ti supporta?

Attualmente siamo io e mia sorella, più alcuni collaboratori esterni a progetto.

C’è qualche stilista che ha influenzato il tuo stile?

Gli stilisti che più mi hanno ispirata sono Armani, Isabel Marant e Thayaht.

Parliamo un po’ della collezione invernale. A cosa ti sei ispirata?

Per l’autunno inverno 2018/19, Zerobarracento propone una collezione contemporanea e sofisticata, pensata per una donna dinamica e moderna. La palette cromatica spazia dai grigi ai beige, fino al blu, ma non mancano note di colore, soprattutto azzurri, rossi e verdi. Le forme alternano linee morbide, create dagli stessi tessuti, ad altre geometriche che abbracciano la figura e le forme femminili in un sapiente gioco di plissettature, allacciature e pieghe. Il gioco di contrasti continua anche sul versante dell’ispirazione: un’allure contemporanea incontra elementi della tradizione nipponica. Anche per questa stagione ho scelto la tecnica dello “zerowaste”, grazie alla quale i cartamodelli sono sviluppati per andare ad utilizzare interamente il  tessuto. Sul versante della sostenibilità, invece, l’attenzione è sui materiali, completamente tracciabili e da sempre tratto distintivo del marchio.

_DSC3472 copy

C’è un pezzo che ti rappresenta maggiormente?

Ogni pezzo ha la sua unicità e, a mio avviso, una ragion d’essere. Ma la mia passione sono i cappotti e i capispalla in generale. Un capo che è a mio avviso la chiave del guardaroba.

Se dovessi consigliare un outfit Zerobarracento ai lettori, quale abbinamento sceglieresti?

Uno dei nostri cappotti oversize in caldissima lana abbianato ad una mini e top in jacquard di Newlife™.

Dove è possibile trovare in vendita i tuoi modelli?

Attualmente online sul nostro sito ed in eventi qui a Milano, lo scorso 11 Novembre eravamo a Chez Babette, e stiamo organizzando altre date a fine Novembre e Dicembre.

DSC3826

Progetti per il futuro?

Continuare la ricerca a livello materiale ed aprire un’atelier a Milano, con possibilità di personalizzazione dei capi.

Milano, New York, Londra o Parigi… Su quale passerella ti piacerebbe sfilare?

D’istinto direi Parigi, ma per DNA spingo sul Made in Italy, quindi sceglierei Milano. La valorizzazione della filiera moda è per me prioritaria.

DSC3773

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...