Francesca Ferrante, Chez Babette soul

Market, what a passion!

(EN). They are a well-established practice in Anglo-Saxon countries and have been peeping in Italy for a few years. The market is the new frontier of niche shopping. Milan, which has always been the driving center for new trends, has been an open track.

Chez Babette Garage Sales is one of the most awaited appointment from all the fashion addict in the city. It opened its doors in 2015, on the idea of Francesca Ferrante, a meticulous organiser of the event.

Francesca is an aspiring lawyer with a decidedly glamorous soul, fashion is for her a choice of life more than a simple passion. It is not uncommon to see her discussing causes and training in the art of oratory dressed in a Prada jacket and a vintage ring from YSL.

SAMSUNG CAMERA PICTURES

Passionate about travel, as well as style, she visited several markets around Europe and the United States before deciding to organize one of her own. In this adventure between designer clothes and jewellery has involved all the family, dog and boyfriend including.

Confiscated the family garage, fully functional and with a taste of yesteryear, walls and ceilings are in fact carpeted with posters and trinkets inspired by the America of the Sixties, one Sunday a month she prepares spaces and stands that will host the various exhibitors with their collections of vintage, second-hand and handmade clothing and accessories.

SAMSUNG CAMERA PICTURES

The idea, she confesses us, is that of re-use, give a second chance to garments that would be thrown, but also to spread a greater awareness on the issues of sustainability and zero waste for a sector, that of fashion, among the most polluting.

Finding unique pieces and garments photographed on the most famous magazines is easy, here in fact come not only small producers, but also bloggers and fashion editors who open their cabinets to visitors.

With a bit of effort and a lot of commitment the market is getting to know slowly. In just under three years from a small neighbourhood phenomenon has become increasingly international, it is not uncommon to meet curious tourists wandering among the racks, especially Chinese. But it is also an opportunity to involve young people and families in the area that, during the event, can reclaim the suburbs and taste some of the sparkle of the windows of the city center.

@chezbabettegaragesale

Chez Babette Garage Sale

SAMSUNG CAMERA PICTURES

TALKING WITH FRANCESCA…

Hello Francesca, talk to me a little about you…

I am Francesca, class 1990 and I was born and raised in Milan. They are half Sicilian (on the part of Father) and for 1/4 Veneta (by mother). I am very fond of music years ‘ 70 and ‘ 80 that marks the time of my days: Gloria Gaynor gives me more charge than a liter of coffee. I am proud owner of Penelope, a small, all-pepper fawn cocker (the temperament is family) and hyperactive. Swimming to exhaustion: it is the only sport that I can practice consistently even if tennis is and remains my first love. I have a pours obsession with vintage jewellery: In my collection they are all gold-coloured and very vistosissimi.

Where did the idea of the market Chez Babette come from?

On various trips to NY and London I came into contact with their market and second hand concepts. In Those countries are welcomed with a lot of enthusiasm, which has inevitably infected me. I wanted to repropose that formula here at home especially because I was looking for a convenient and immediate way to sell those garments that drag season after season in the closet. That’s how I gained the idea of Chez Babette Garage Sale.

SAMSUNG CAMERA PICTURES

Have you found many difficulties in developing such an activity in a conservative country like Italy?

The fact of finding myself in a city like Milan has undeniably played in my favor. I certainly found a good opening and some enthusiasm. I can not deny however that the “second-hand” in Italy still creates some perplexity. On the other hand I have not yet seen anyone resist in front of a branded garment at a low price.

Why did you choose a garage as a location?

Because I play in the house! The market is held in the garage of my father who with so much love borrows it to me once a month. The care of the place passes through him: both for the furnishing (collect everything) and for the cleaning and the order. In the absence of these requirements it would have been impossible to organise such an event.

What types of products can be found for sale?

I wanted to make the exclusive object of the event clothing and accessories, which can be second-hand, vintage or handmade. The selection allows me to offer to the visitors always the best that is proposed to me. I would also like to see that exhibitors are always different because different products have to be the goods that visitors find at each edition. The only thing I press remains constant is the quality offered.

SAMSUNG CAMERA PICTURES

Can you give us some advice on what to buy and what to pay attention to make a real “bargain”?

In the vintage selection and second hand board to buy the garments for the materials: for example you can find golf 100% cashmere or wool at prices typical of fast fashion (which now uses more and more materials of little value). In the hand made selection I always recommend buying at least one garment that will enrich your wardrobe with something unique and that everyone will then ask for the provenance. To make a deal is essential to arm yourself with patience. Slide dress for dress in all the spaces of the various exhibitors. Very often the “gem” hides and is lost if you have too much hast.

What’s your relationship with fashion?

Fashion is my super power (as I think of many other women): I use it to enhance my strengths by having fun with colors and shapes. Important to do this is to remain objective: if something does not make me beautiful I don’t buy it, even if I like to die.

SAMSUNG CAMERA PICTURES

How do you see Chez Babette in five years?

Chez Babette is for me as a son: as every parent I wish it to grow sturdy and stable and that is distinguished by its uniqueness. I’d like to become an appointment that no “Milanese” can give up.

Where do you see yourself in five years?

The prognosis of the future is not one of my strongest skill! Surely I will remain in Milan to work once completed the studies of law (my imprisonment is almost finished!)  Abroad is so beautiful, but the only house I want to have is Italy and in particular Milan. These are for me two stationary points.


(IT). Sono una prassi consolidata nei paesi anglosassoni e da qualche anno hanno fatto capolino anche in Italia. I market sono la nuova frontiera dello shopping di nicchia. Milano, da sempre centro propulsore di nuove tendenze, ha fatto da apripista.

Chez Babette Garage Sales è uno degli appuntamenti più attesi da tutte le fashion-addict della città. Apre i battenti nel 2015, su idea di Francesca Ferrante, organizzatrice meticolosa dell’evento.

Francesca è un’aspirante avvocato con un’anima decisamente glamour, la moda è per lei una scelta di vita più che una semplice passione. Non è raro infatti vederla discutere cause e allenarsi nell’arte oratoria vestita con una giacca Prada e un anello vintage di YSL.

SAMSUNG CAMERA PICTURES

Appassionata di viaggi, oltre che di stile, ha visitato diversi market in giro per l’Europa e gli Stati Uniti prima di decidere di organizzarne uno tutto suo. In questa avventura tra abiti griffati e gioielli ha coinvolto un po’ tutta la famiglia, cane e fidanzato compresi.

Requisita l’officina di famiglia, perfettamente funzionante e dal sapore d’antan, pareti e soffitti sono infatti tappezzati da poster e ninnoli ispirati all’America degli anni Sessanta, una domenica al mese predispone spazi e stand che ospiteranno i vari espositori con le loro collezioni di abbigliamento e accessori vintagesecond-hand e handmade.

SAMSUNG CAMERA PICTURES

L’ottica, ci confessa, è quella del riuso, dare una seconda chance a capi che verrebbero gettati, ma anche quella di diffondere una maggiore consapevolezza sui temi della sostenibilità e del zero waste per un settore, quello della moda, tra i più inquinanti.

Trovare pezzi unici e modelli fotografati sui magazine più famosi è scontato, qui infatti vengono non solo piccoli produttori, ma anche blogger e fashion editor che aprono ai visitatori i loro armadi.

Con un po’ di fatica e tanto impegno il market si sta facendo conoscere piano piano. In poco meno di tre anni da piccolo fenomeno di quartiere è diventato via via sempre più internazionale, non è raro infatti incontrare turisti curiosi aggirarsi tra le relle, cinesi in testa. Ma è anche un’occasione per coinvolgere i giovani e le famiglie della zona che, in occasione dell’evento,  possono riappropriarsi della periferia e assaporare un po’dello sfavillio delle vetrine del centro.

@chezbabettegaragesale

Chez Babette Garage Sale

 

QUATTRO CHIACCHIERE CON FRANCESCA…

Ciao Francesca, parlami un po’ di te…

Sono Francesca, classe 1990 e sono nata e cresciuta a Milano. Sono per metà siciliana (da parte di padre) e per 1/4 veneta (da parte di madre). Sono appassionatissima di musica anni ‘70 e ‘80 che scandisce il tempo delle mie giornate: Gloria Gaynor mi dà più carica di un litro di caffè. Sono orgogliosa proprietaria di Penelope, un piccolo cocker fulvo tutto pepe (il temperamento è di famiglia) e iperattivo. Nuoto allo sfinimento: è l’unico sport che riesco a praticare con costanza anche se il tennis è e rimane il mio primo amore. Ho una versa ossessione per i gioielli vintage: nella mia collezione sono tutti color oro e vistosissimi.

Da dove nasce l’idea del market Chez Babette?

Nei vari viaggi a NY e a Londra sono venuta a contatto con i loro concetti di market e second hand. In quei paesi vengono accolti con moltissimo entusiasmo, cosa che mi ha inevitabilmente contagiata. Volevo riproporre quella formula qui a casa soprattutto perché cercavo una via comoda ed immediata per vendere quei capi che si trascinano stagione dopo stagione nell’armadio. È così che ho maturato l’idea di Chez Babette Garage Sale.

SAMSUNG CAMERA PICTURES

Hai trovato molte difficoltà nello sviluppare un’attività di questo tipo in un paese conservatore come l’Italia?

Il fatto di trovarmi in una città come Milano ha innegabilmente giocato a mio favore. Ho trovato sicuramente una buona apertura e un certo entusiasmo. Non posso negare tuttavia che l’usato in Italia crea ancora qualche perplessità. D’altra parte non ho ancora visto nessuno resistere davanti ad un capo firmato a poco prezzo.

Perché hai scelto come location un’autofficina?

Perché gioco in casa! Il market si svolge nell’Autofficina di mio padre che con tanto amore me la presta di regola una volta al mese. La cura del posto passa attraverso lui: sia per l’arredamento (colleziona qualsiasi cosa) sia per la pulizia e l’ordine. In assenza di questi requisiti sarebbe stato impossibile organizzarvi un evento di questo genere.

Quali tipi di prodotti si possono trovare in vendita?

Ho voluto rendere oggetto esclusivo dell’evento l’abbigliamento e gli accessori, che possono essere second-hand, vintage oppure handmade. La selezione mi permette di offrire ai visitatori sempre il meglio che mi viene proposto. Ci tengo inoltre che gli espositori siano sempre diversi perché diversi devono essere i prodotti che i visitatori trovano ad ogni edizione. L’unica cosa che mi preme resti costante è la qualità offerta.

46118479_709901619366973_8155890673149542400_o

Puoi darci qualche consiglio su cosa acquistare e a cosa prestare attenzione per realizzare un vero “affare”?

Nella selezione vintage e second hand consiglio di acquistare i capi per i materiali: per esempio puoi trovare golf 100% cachemire o lana a prezzi tipici del fast fashion (che ormai utilizza sempre di più materiali di poco pregio). Nella selezione hand made consiglio sempre di acquistare almeno un capo che arricchirà il proprio guardaroba di qualcosa di unico e  del quale tutti poi chiederanno la provenienza. Per fare un affare è fondamentale armarsi di pazienza. Scorrere vestito per vestito in tutti gli spazi dei vari espositori. Molto spesso la “chicca” si nasconde e la si perde se si ha troppa fretta!

Che rapporto hai con la moda?

La moda è il mio super potere (come penso di tante altre donne): la uso per valorizzare i miei punti di forza divertendomi con colori e forme. Importante per fare questo è rimanere oggettiva: se una cosa non mi dona non l’acquisto anche se mi piace da morire.

SAMSUNG CAMERA PICTURES

Come vedi Chez Babette tra cinque anni?

Chez Babette è per me come un figlio: come ogni genitore desidero che cresca robusto e stabile e che si distingua per la sua unicità. Mi piacerebbe divenisse un appuntamento a cui nessun milanese possa rinunciare.

E tu dove ti vedi tra cinque anni?

La prognosi del futuro non è il mio forte in assoluto, ma sopratutto su di me! Sicuramente rimarrò a Milano a lavorare una volta conclusi gli studi di Giurisprudenza (la mia prigionia è quasi terminata!)  L’estero è tanto bello, ma l’unica casa che voglio avere è l’Italia e in particolare Milano. Questi sono per me due punti fermi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...