Bold ATTITUDE

(EN.) Adelaide Carta, Class 1988, is Sardinian. Of its land, harsh and rough, but capable of concealing angles of beauty rich in a vivid and luxuriant nature, preserves the stubborn and volitive character. Stubborn as the nature of his island, able to survive long and torrid summers. Volitional as the winds laden with perfumes that incessant breathe, stroking the coasts.

Balanced as only a Libra knows how to be, was born on 9 October, her sign has taken the visceral love for beauty, a strong sensibility and the perennial pursuit of harmony. In 2014, tired of the equation for which a product of tendency can not be also ethical, she creates a line of luxury scarves, stealing the shining colors and the tapestries of Sardinia and using bio materials to “kilometre 0”.

DSC05670
A stunning model by Adelaide

The feedback is immediate, its way is marked. She decides to register her brand and focus on leather goods. From there, collection after collection, creates increasingly elaborate models, where stylistic research blends with the attention to the environment and nature. Also the materials and the combinations are made gradually more daring, cork and Alcantara, faux-leather and bold colors.

Unreleased and kaleidoscopic mixes, artisan plots recreated through special workings and combinations of coloured blocks, optical illusions able to transform vegetable tissues into exotic skins. Within a few years the certifications of Peta and LAV come to ensure that her bags are beautiful, but above all good.

hfw_Unravelau_tom_rollich03-1560x1950

IMG-2254

In June 2018 Adelaide is selected for SHOWCASE, the event devised by ICE agency and Altaroma to give visibility to young fashion talents, and gathers the invitation to participate in Helsinki Fashion Week, the first week entirely dedicated to fashion Eco-sustainable and animal-friendly. Her bags with captivating lines and daring combinations do not go unnoticed, Vogue Italia notes her and dedicates a space in the special on the event, follows shots for Marie Claire Australia and Vogue Korea. A seal that crowns a path mostly uphill, tiring but exciting, or maybe just the beginning of a future full of successes

www.adelaidecarta.com

@adelaidecarta_official

 

A CHAT WITH ADELAIDE…

Good morning Adelaide, talk to me about your project…
Adelaide C. was born in 2014 in Sardinia, from my own green vision on fashion. I always thought it lacked a product that could be ethically correct, and at the same time trendy and cool. I often met ethical products that did not come close to the fashion trends, or found beautiful and fashionable products but that of ethics did not even have the label. For this reason I chose to create my own brand of vegan and eco-friendly handbags and accessories!

Often our idea of sustainable fashion is that of a product that is not attractive, but many emerging designers and brands who have married Green philosophy show us the opposite. What can be done to turn the old paradigm upside down?
Surely this paradigm has already been reversed because we are experiencing many products that do not want to give up eco-sustainability, like our vegan bag, which in addition to founding values, possess a modern design, a precise identity and a style contemporary and fashionable. Moreover, many companies are working to propose to us, designers and producers, skin-looking materials, which, however, derive from vegetable raw materials. We ourselves will introduce a 100% plant material, together with our cork, already in a Limited Edition of next winter!

X_Sohvi_Kinnunen_L1082881-1560x2265

What do you think helped to associate the eco-friendly style with a product of little or no appeal?
I believe that until recently the concept of ethics and eco-sustainability belonged only to a type of consumers very wise and not prone to superficiality, that sometimes fashion represents. It is difficult to find accessories or clothes absolutely fashionable and also eco-sustainable. For this reason, the gap between wise and forward-looking consumer, and the fashionable one, was really broad a short time ago. However, the human being is evolving, and along with him, the market also follows the same evolution by proposing more and more products that do not renounce these values to stay on the catwalks. Surely, there is a tendency, by many ridden in a hypocritical way, that sees a good part of today’s proposals underlined by values of sustainability. Let the consumer choose which of these products really has a green heart, or the only green that it calls is that of the banknotes that it produces. However, having at heart the fate of our planet, I can only rejoice to see that most of the roads that modern companies are going through are heading towards eco-sustainable systems, ideas and productions.

When did you start to get interested in sustainable fashion?
I grew up with a mother who taught me as a child the importance of preserving our eco system, the importance of loving it, and curing it, without observing short-term goals, but raising my head in order to see many steps forward to me. She taught me the importance of our daily choices, which become the future we create. The choice of a sustainable fashion coincided with my choice to make fashion professionally. It was a need, more than a decision! Would not have had the same emotional charge otherwise.

827478631

Have your Sardinian roots helped to develop your green vision?
Surely yes, because I started to draw my bags enriching them with raw materials of my territory, like cork and Sardinian sheep’s wool, obtained through the natural shearing of grazing sheep, then not bred for wool. I definitely wanted my bags to talk about me and to tell something new.

Let’s talk a little bit about your winter collection. What is the central theme? What materials and colors did you choose to use?
The central theme is always the cork, which is introduced with two processes spied in orange and brown and in a special working “pitonata”. The cork-trees are enriched and contrasted by materials with decisive colours that play with each other to create unique shapes and contrasts. It presents two new unpublished models: a mini bag, a pouch/clutch/handbag and shoulder, with many uses, and a maxi bag, daily or travel, which has taken inspiration from the wonderful bags of doctors who have always fascinated me since I was a child.

911412876
Some details

How do you usually develop a collection?
There is no fixed rule, but I am inspired sometimes by what I meet on my path, other times by colors or often by materials, as for the FW18/19: samples of materials casually side by face have inspired me instantly and conquered without doubt. From that then start all the other lines and combinations of colors.

I know that in the past you have also made a shoe line, do you think that in the future you could expand the offer of your brand with other products?
We have never made shoes, if not in sketch on request, but we are sure that this will be the next step to face.

Your bags are fun, colorful, stylish and even the price is affordable. Your communication is glamorous, so you are demonstrating that it is possible to make a sustainable fashion that is also trendy. Why are traditional brands so reluctant to admit that another way is possible?
Well, the money god is much more prepared to take a descent rather than an ascentless struggle and you get there first!

A message that you would like to give readers to be an active part of the change…
I believe that the change that is taking place is the greatest example of hope the world has ever witnessed. We decided to be part of it in an active way, proving that a great product can also be right… The final word is always on the consumer!

 

912518420

Adelaide when she’s not working…
She dreams, sometimes she travels, sometimes for real other times with her eyes closed. I love eating, cooking, discovering new flavors. I love being conquered by clothes, accessories or shoes in the windows of the many beautiful shops that fill our cities. I love the news, the breathtaking things, but I also love the simplicity. And then I love beauty in all its forms. When I cannot create it, I simply admire and celebrate it!

A place you’d like to see…
Amazonian forest.

A dream still to be realized…
A house by the sea.


 

(IT). Adelaide Carta, classe 1988, è sarda. Della sua terra, aspra e ruvida, ma capace di nascondere angoli di bellezza ricchi di una natura vivida e lussureggiante, conserva il carattere testardo e volitivo. Testarda come la natura della sua isola, in grado di sopravvivere a estati lunghe e torride. Volitiva come i venti carichi di profumi che spirano incessanti accarezzando le coste.

Equilibrata come solo una Bilancia sa esserlo, è nata il 9 Ottobre, del suo segno ha preso l’amore viscerale per il bello, una spiccata sensibilità e la perenne ricerca dell’armonia. Nel 2014, stanca dell’equazione per cui un prodotto di tendenza non può essere anche etico, crea una linea di sciarpe di lusso, rubando i colori fulgidi e gli arazzi della Sardegna e usando materiali bio a kilometro 0.

X_Sohvi_Kinnunen_L1082889-1560x1094
A petite bag by Adelaide Carta

Il riscontro è immediato, la sua strada è segnata. Decide di registrare il suo marchio e di concentrarsi sulla pelletteria. Da lì, collezione dopo collezione, crea modelli sempre più elaborati, dove la ricerca stilistica si fonde con l’attenzione per l’ambiente e la natura. Anche i materiali e gli accostamenti si fanno via via più arditi, sughero e alcantara, faux-leather e colori sfrontati.

Mix inediti e caleidoscopici, trame artigianali ricreate attraverso lavorazioni particolari e accostamenti di blocchi di colore, illusioni ottiche in grado di trasformare tessuti vegetali in pelli esotiche. Nel giro di pochi anni arrivano le certificazioni di Peta e LAV a garantire che le sue borse sono belle, ma soprattutto buone.

#HFW: Unravelau

Nel Giugno del 2018 Adelaide viene selezionata per  SHOWCASE, l’evento ideato da ICE Agenzia e Altaroma per dare visibilità ai giovani talenti della moda, e raccoglie l’invito a partecipare alla Helsinki Fashion Week, la prima settimana interamente dedicata alla moda eco-sostenibile e animal-friendly.  Le sue borse dalle linee accattivanti e dagli accostamenti audaci non passano inosservate, Vogue Italia infatti la nota e le dedica uno spazio nello speciale sull’evento, seguono a ruota gli scatti per  Marie Claire Australia e Vogue Korea. Un suggello che corona un percorso per lo più in salita, faticoso ma emozionante, o forse solo l’inizio di un futuro ricco di successi

www.adelaidecarta.com

@adelaidecarta_official

 

QUATTRO CHIACCHIERE CON ADELAIDE…

Buongiorno Adelaide, parlami un po’ del tuo progetto…
Adelaide C. nasce nel 2014 in Sardegna, dalla mia personale visione green sulla moda. Ho sempre pensato che mancasse un prodotto che potesse essere eticamente corretto, e allo stesso tempo trendy e cool. Spesso incontravo prodotti etici che non si avvicinavano minimamente ai trend della moda, oppure trovavo dei prodotti bellissimi e fashion, ma che di etico non avevano neppure l’etichetta. Per questa ragione ho scelto di creare il mio brand di borse e accessori vegan ed eco-friendly!

Spesso la nostra idea di moda sostenibile è quella di un prodotto poco appetibile, invece molti designer e brand emergenti che hanno sposato la filosofia green ci dimostrano il contrario. Cosa è possibile fare per ribaltare il vecchio paradigma?
Sicuramente questo paradigma è già stato ribaltato perché stiamo conoscendo tanti prodotti che non vogliono più rinunciare all’eco-sostenibilità, come le nostre vegan bag, che oltre ai valori fondanti, posseggono un design moderno, un’identità precisa e uno stile contemporaneo e fashion. Inoltre tante aziende stanno lavorando per proporre a noi, designer e produttori, materiali dall’aspetto pelle che però derivano da materie prime vegetali. Noi stessi introdurremo un materiale vegetale al 100% unito al nostro sughero, già in una Limited Edition del prossimo inverno.

912441775
Un modello di Adelaide Carta

Secondo te cosa ha contribuito ad associare lo stile eco-friendly a un prodotto di scarso o nullo appeal?
Credo che fino a poco tempo fa il concetto di etica ed eco-sostenibilità appartenesse solo a una tipologia di consumatori molto saggi e poco inclini alla superficialità che a volte la moda rappresenta. Difficilmente si reperivano degli accessori o degli abiti assolutamente fashion e anche eco-sostenibili. Per questo motivo, il divario tra consumatore saggio e lungimirante, e quello modaiolo, era davvero ampio poco tempo fa. Tuttavia, l’essere umano si sta evolvendo, e anche il mercato segue la medesima evoluzione, proponendo sempre più prodotti che non rinunciano a questi valori per stare sulle passerelle. Sicuramente vi è una tendenza, da molti cavalcata in maniera ipocrita, che vede buona parte delle proposte di oggi sottolineate da valori di sostenibilità. Lasciamo al consumatore scegliere quale tra questi prodotti abbia davvero un cuore green, oppure se l’unico verde che richiama è quello dei soldi. Ad ogni modo, avendo a cuore le sorti del nostro pianeta, posso solo gioire nel constatare che la maggior parte delle strade che le aziende moderne stanno percorrendo si dirigono verso sistemi, idee e produzioni eco-sostenibili.

Quando hai iniziato a interessarti alla moda sostenibile?
Sono cresciuta con una madre che mi ha insegnato fin da piccola l’importanza di preservare il nostro ecosistema, l’importanza di amarlo, e curarlo, senza guardare a obbiettivi a breve termine, ma alzando la testa per poter vedere molti passi avanti a me. Mi ha insegnato l’importanza delle nostre scelte quotidiane, che diventano il futuro che creiamo. La scelta di una moda sostenibile ha coinciso con la mia scelta di fare moda in maniera professionale. È stato un bi-sogno, più che una decisione! Non avrebbe avuto la stessa carica emotiva altrimenti.

629938588

Le tue radici sarde hanno contribuito a sviluppare la tua visione green?
Sicuramente si, perché ho iniziato a disegnare le mie borse arricchendole con materie prime del mio territorio, come il sughero e la lana di pecora sarda autoctona, ottenuta attraverso la tosatura naturale delle pecore da pascolo, quindi non allevate per la lana. Volevo senza dubbio che le mie borse parlassero di me e che raccontassero qualcosa di nuovo.

Parliamo un po’ della tua collezione invernale. Qual è il tema centrale? Quali materiali e colori hai scelto di utilizzare?
Il tema centrale è sempre il sughero, che viene introdotto con due lavorazioni spigate in arancio e in marrone e in una lavorazione speciale pitonata. I sugheri sono arricchiti e contrastati da materiali dai colori decisi che giocano tra di loro per creare forme e contrasti unici. Ci sono due nuovi modelli inediti: una mini bag, un marsupio/pochette/handbag e shoulder, dai molti utilizzi, e una maxi bag, giornaliera o da viaggio, che ha preso ispirazione dalle splendide borse dei medici che mi hanno sempre affascinato fin da bambina.

855084525

Come sviluppi di solito una collezione?
Non esiste una regola fissa, ma mi lascio ispirare, a volte da ciò che incontro sul mio cammino, altre volte dai colori o spesso dai materiali, come per la FW18/19: campioni di materiali casualmente affiancati mi hanno ispirato istantaneamente e conquistato senza dubbio alcuno. Da quello poi partono tutte le altre linee e abbinamenti di colori.

So che in passato hai realizzato anche una linea di scarpe, pensi che nel futuro potresti ampliare l’offerta del tuo brand con altri prodotti?
Non abbiamo mai realizzato scarpe, se non in bozzetto su richiesta, ma siamo certi che quello sarà il prossimo passo da affrontare.

Le tue borse sono divertenti, colorate, stilose e anche il prezzo è accessibile. La tua comunicazione è glamour, insomma tu sei la dimostrazione che è possibile fare una moda sostenibile che sia anche trendy. Perché i marchi tradizionali sono così restii ad ammettere che un’altra strada è possibile?
Bhé, il “dio denaro” è assai più propenso a intraprendere una discesa piuttosto che una salita…si suda meno e si arriva prima!

655230355

Un messaggio che vorresti dare ai lettori affinché siano parte attiva del cambiamento…
Credo che il cambiamento in atto sia il più grande esempio di speranza a cui il mondo abbia mai potuto assistere. Noi abbiamo deciso di farne parte, in maniera attiva, dimostrando che un grande prodotto può essere anche giusto… Al consumatore spetta sempre l’ultima parola!

Adelaide quando non lavora…
Sogna, a volte viaggia realmente per il mondo, altre volte a occhi chiusi. Adoro mangiare, cucinare, scoprire nuovi sapori. Adoro essere conquistata da abiti, accessori o calzature tra le vetrine dei tanti splendidi negozi che riempiono le nostre città. Adoro le novità, le cose mozzafiato, ma amo anche la semplicità. E poi amo la bellezza in ogni sua forma. Quando non la possa creare, mi limito ad ammirarla e a festeggiarla!

#HFW: Unravelau

Un posto che vorresti vedere…
Foresta amazzonica.

Un sogno ancora da realizzare…
Una casa in riva al mar

Annunci

5 Comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...