Ci vuole un ALBERO

Marta Antonelli è una ragazza giovane e caparbia, che in poco meno di dieci anni si è brillantemente diplomata allo IED, ha sviluppato Ligneah®, un nuovo materiale, e ha creato ODD, una linea di borse e accessori in legno. Il tutto partendo dal garage di casa. La sua è una storia bella di talento giovane e di notevole tenacia, la storia buona di una moda intelligente, fatta con rispetto e nel rispetto della natura. Ama gli animali, Marta, ma ama anche lo stile e crede che le due cose possano convivere benissimo. Vegetariana con convinzione, stilista per vocazione. Marta prende un albero, scegliendo scrupolosamente tra la lista compilata da Greenpeace, e lo trasforma in una borsa. Non una borsa qualunque, ma una borsa moderna, funzionale, dalle linee pulite, 100% cruelty free, costruita dai migliori artigiani italiani, fatta di un materiale naturale, biodegradabile e idrorepellente. Marta ha creato un circolo virtuoso, dove si fa del bene non solo a parole. Comprare una borsa OOD significa sposarne la filosofia, per ogni modello acquistato Marta pianta un albero. Con un solo albero OOD realizza duecento borse e centocinquanta paia di scarpe. OOD non si limita a difendere il mondo, OOD non fa filosofia vendibile sui mass-media, OOD rende il mondo migliore. OOD ci rende migliori. Ogni volta che scegliamo, scegliamo anche quale futuro vogliamo dare al Pianeta. Come partner Tree-nation, un’associazione che promuove progetti di riforestazione, OOD rilascia a ciascun acquirente un certificato che attesta la piantumazione di un nuovo fusto e un codice personale che permette di seguire tutte le fasi di crescita della pianta. Inoltre tutti i prodotti OOD sono certificati animal-free dalla LAV, con rating VVV+. Non solo la natura, ma anche gli animali sono per Marta creature bellissime, da rispettare e proteggere. Una fonte inesauribile di bellezza e inspirazione, del resto è stato proprio un Pitone a regalare a una ragazza un sogno

 

 

Buongiorno Marta, sono felice che tu abbia deciso di condividere il tuo progetto con noi. Parlami un po’ di OOD…

Ood nasce nel 2014, ma faccio qualche passo indietro… In realtà nasce nel 2011, in contemporanea con la creazione del materiale Ligneah®. Inizialmente, infatti, prese il nome dell’omonimo materiale e visto il successo che la collezione riscosse alla presentazione ufficiale a So Critical So Fashion, la fiera  eco-sostenibile di Milano, decidemmo, io e mio padre, di dargli una propria identità.  Così è nata OOD, disegnata da me e realizzata esclusivamente in Ligneah®.

OOD_11_fronte
Un Modello OOD

 

L’attenzione per la natura e l’amore per gli animali hanno sempre fatto parte della tua vita oppure è una sensibilità che hai acquisito nel corso degli anni?

Da quando sono piccola mi è sempre stato insegnato a rispettare l’ambiente e gli animali. Pensa che passavo molto tempo insieme a mia sorella e mia cugina a casa di mia nonna, che aveva un bel giardino. Ci portavamo gatti e cani abbandonati da curare. Inoltre avevamo delle galline da compagnia con cui noi giocavamo, praticamente siamo sempre state circondate dagli animali e li abbiamo sempre visti come esseri da amare e non da sfruttare. Mentre la scelta di diventare vegetariana è nata successivamente. Data la mia sensibilità per questi temi, crescendo ho iniziato a riflettere su cosa mangiavo e cosa acquistavo. Sono diventa più consapevole e cosciente del fatto che, nel mio piccolo, potevo cambiare qualcosa. Alla mia scelta hanno contribuito anche alcuni documentari che mi fecero riflettere su come le creature viventi vengano sfruttate nelle industrie e negli allevamenti intensivi, The Corporation è uno di questi documentari. Poi frequentando l’Istituto Europeo di Design ebbi la fortuna di seguire dei corsi sulla moda sostenibile e da lì capii che quella era la mia strada e che volevo portare in questo mondo una mia visione rivoluzionaria, ovvero che sostenibilità, rispetto per gli animali e stile possono coesistere.

__PA6411_B
Una Tote bag in un delicato cipria
OOD-Ligneah-Nuo-borse-di-legno-Marta-Antonelli
Uno scatto della campagna 2018/19

 

Come nasce una collezione OOD?

Una collezione OOD nasce diversamente da come si può immaginare… Non c’è uno studio particolare dei modelli, anzi quasi tutti sono nati di getto, quando era il momento. La shopper Atlantea, per esempio, fu il primo pezzo che ideai. Mi trovavo nel garage di mia nonna, che all’inizio era un po’ il nostro centro di sperimentazione, si sa che le idee più belle nascono nei garage! Presi due ritagli di legno Ligneah® e simulai il modello che feci successivamente realizzare a un artigiano di Roma. Avevo la responsabilità di presentare, attraverso i miei prodotti, un nuovo materiale mai visto prima, volevo che i prodotti fossero delle cornici armoniche che mostravano Ligneah® in tutta la sua bellezza. Poi successivamente mi sono concessa una libertà creativa maggiore, dando vita a prodotti come la Ivy e le Febe.

Ho letto che l’intuizione di utilizzare il legno come fosse pelle è stata tua, osservando le scaglie di pitone su uno stivale. Perché proprio il legno?

Sì, mi ricordo ancora quel preciso istante! Stavo sfogliando una delle tante riviste femminili che ero solita leggere anche per i miei studi di moda, mi aiutavano a stimolare la creatività e a trovare spunti interessanti. Osservando uno stivale in pitone feci un’associazione tra la pelle di serpente e il legno, immaginando quest’ultimo trattato con un sistema di scaglie. Pensai che simulando il pitone potevo trasformare un materiale rigido in un morbido tessuto, se solo fossi stata capace di trovare una soluzione. Si sa che dall’idea alla realizzazione c’è un abisso e qui fu fondamentale mio padre che, dopo settimane di ricerche, trovò la soluzione. Il  laser era il mezzo attraverso cui trasformare il legno in tessuto.

OOD_10_fronte

DSC_9594
Un dettaglio del materiale Ligneah®

 

Come riuscite a dargli l’aspetto della pelle?

Acquistiamo degli sfogliati di legno, impiallacciature, già tinti o naturali, li accoppiamo al tessuto attraverso un collante e micro incidiamo la superficie con il  laser attraverso una serie di trame.

Ivy Acero frise fucsia e blu Gold stripe 24K 1
Modello Ivy in Acero
Ivy Corteccia Gold stripe 24K
Modello Ivy in corteccia

 

Il processo sembra piuttosto impegnativo, il materiale non è tra i più economici, i prodotti sono artigianali e made in Italy, eppure le tue borse hanno costi contenuti. Un motivo in più per acquistarle! Fare moda bella, sostenibile e accessibile sembra oggi possibile. Credi che esista un lusso democratico?

Si esatto non è semplice perché realizzare il nostro materiale, nonostante utilizziamo macchinari altamente tecnologici e sofisticati, richiede dei passaggi manuali. Poi c’è il costo del legno, dei tessuti, insomma c’è alle spalle un investimento di mezzi, materiali, persone e tempo non indifferente. Inoltre la manifattura è italiana. I prezzi sono contenuti perché non hanno i ricarichi che di solito hanno i prodotti di brand molto più conosciuti. Noi abbiamo deciso di vendere i nostri prodotti principalmente online e questo ci permette di non considerare il fattore rivenditore e ci consente un prezzo finale abbastanza contenuto. Tuttavia mi preme sottolineare che a noi costa veramente molto realizzare i nostri prodotti.  Il lusso democratico esiste! Basti pensare a tutti quei piccoli brand che come noi creano prodotti con un valore importante, realizzati con attenzione ai minimi dettagli e li propongono a prezzi accessibili, proprio perché non hanno un nome conosciuto e non possono permettersi di vendere quel prodotto a cifre esorbitanti. Vi assicuro che la qualità è nettamente superiore a molti prodotti che si trovano nelle boutique dei grandi marchi, anche perché ci ho lavorato e so quanto spendono per realizzare i loro prodotti…  molto meno di quanto spendo io!

__PA6736

 

Crei prevalentemente borse, gioielli e piccola pelletteria. Ho letto che il materiale però è perfetto anche per la produzione di scarpe. Hai in programma di ampliare la linea puntando anche su altro?

Per le calzature sono anni che stiamo sperimentando il materiale e spero che presto riusciremo a uscire con qualcosa di veramente unico e originale. Quindi sì, sto pensando di ampliare la linea anche a prodotti di design e calzature.

Ligneah®, che è il materiale che avete brevettato, potrebbe essere utilizzato anche per realizzare tessuti per l’abbigliamento oppure per creare cappelli, superando quindi l’impasse dei velour in pelo di coniglio?

Posso dire che con Ligneah® abbiamo creato dei prototipi di gilet, cappotti e abbigliamento; e anche alcuni nostri clienti ci stanno lavorando. Ma credo che il nostro materiale sia più adatto al mondo degli accessori, del design e dell’automotive. Sicuramente più in là daremo più spazio alla ricerca per realizzare capi di abbigliamento e perché no anche cappelli, di cui abbiamo creato qualche modello.

__PA6914_B

 

Immagino tu stia lavorando sulla linea invernale, qualche anticipazioni in fatto di tendenze e colori per la prossima stagione?

Le nostre collezioni sono soprattutto annuali, poi realizzo delle capsule stagionali che si integrano alla collezione principale. Posso però dire che a Settembre saremo al Mipel a Milano e presenteremo una collezione più economica da proporre ai rivenditori, sarà una linea realizzata in Ligneah® e un altro materiale sostenibile, ma per il momento non posso dire di più…

ood-febe-mini-frassino-rosa-nuo-by-ligneah-borse-di-legno
Modello Febe mini in Frassino
ood-legno-ligneah-shopper-febe-maxi-frassino-verde_1_
Shopper Febe maxi in Frassino

 

www.ood-italy.it

www.ligneah.com

Annunci

One Comment

  1. Pingback:
    OOD

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...